Non ho l'età...





Il tema dell'età legata all'abbigliamento mi sta molto a cuore. Benché ci si possa sentire sempre giovani dentro, ed è una grande risorsa, fuori purtroppo non lo si rimane, e quindi sono fermamente convinta che il modo di vestirsi con gli anni debba cambiare. Questo non vuol dire assolutamente rinunciare a valorizzarsi e a seguire la moda, ma significa saperlo fare con un occhio di riguardo in più. Diventa più difficile, perché non ci si può più mettere qualsiasi cosa, e quindi la scelta si riduce, ma ciò che davvero bisogna saper fare è guardarsi con obiettività, e accettare di non essere più ragazzine. O ragazzini, perché vado lo stesso discorso anche per gli uomini.
Spesso guardo un capo che mi piace, ma poi lo ripongo dicendo che "non ho più l'età", allora mio marito mi dice che invece posso indossarlo tranquillamente, più di quanto possano fare molte ventenni. Certo lui non è, e forse neppure può essere davvero obiettivo, e forse per certi versi e in alcuni rari casi ha anche ragione. Ma non si tratta di una questione di fisico, di peso o di forme, ma proprio di un fatto di età. Una quarantenne, moglie e madre di due figli, di cui uno quasi adulto, non ha più "bisogno" di lanciare certi messaggi. Non deve più conquistare, cercare di piacere e piacersi, farsi accettare dagli altri e cercare un proprio stile. Una quarantenne deve segnalare sicurezza, affidabilità, eleganza. E sono convinta che possa farlo senza rinunciare ad essere comunque affascinante. 
Poi diventi mamma di una femminuccia e lei, crescendo, vuole a tutti i costi indossare gli stessi tuoi vestiti, le tue scarpe, i tuoi gioielli. È la meravigliosa fase in cui la mamma è la donna più bella del mondo, il modello ideale a cui aderire il più possibile. L'ho avuta anch'io, e so bene che dura poco, perché poi arriva quella in cui la figlia cerca la propria personalità e tende, almeno per un certo periodo, a differenziarsi il più possibile proprio dalla mamma. Valentina ora mi chiede spesso di vestirci uguali ed io questa dichiarazione d'amore non posso e non voglio disattenderla. Ma come può una quarantenne mettersi nei panni di una bimba di sette anni? E lei, come può non adattarsi a quelli di una donna adulta? Io non voglio in nessun caso rendermi ridicola scimmiottando la bambina che non sono, e non voglio che lei diventi una grottesca e ambigua imitazione di una donna, un tema molto delicato questo... 
La soluzione me l'ha offerta Elisabetta, che con la sua grazia ed eleganza disegna e cuce delle gonne su misura bellissime, e che miracolosamente si adattano ad entrambe. Non so descrivervi la gioia e la fierezza di Valentina quando ha visto due gonne uguali uguali, una per lei e una per me. Due gonne perfette in ogni situazione, che abbinate con i giusti accessori, si adattano a spiaggia e città. Due gonne che ci fanno sentire una cosa sola!
Poi a volte è sufficiente un accessorio, un bracciale, una collana, o due cappelli. Uguali, eppure diversi. Esattamente come chi li indossa.

Ho parlato di: moda mamma e bambina, moda e età diverse, multifacesdesign, beckinys.

Commenti

Post più popolari