Pensieri di una mamma




Quando i figli crescono, ti rendi conto che essere madre, essere una buona madre, significa capire quando arriva il momento di farsi da parte, di lasciare che i nostri figli, fino ad un attimo prima totalmente dipendenti da noi, si aprano al mondo. Si tratta di sfumature, di attimi, di dettagli, eppure bisogna saperli cogliere. Bisogna capire quando i loro occhi, prima felici solo se riflessi nei nostri, cominciano a guardare altrove. Quando le punte dei loro piedini, invece di essere rivolte a noi, prendono un'altra direzione. L'amore vero, quello perfetto e inesauribile di un genitore, si manifesta in tutta la sua magnificenza non quando accoglie fra le sue braccia una creaturina indifesa, ma quando le braccia le apre, per lasciare che una parte del proprio cuore se ne vada, forte e sicura, verso una nuova vita, che ci vedrà spettatori, e non più protagonisti. 
Succede gradualmente per fortuna, ma succede. L'ho già vissuto una volta, con quel ragazzone che un tempo non riusciva né a mangiare né ad addormentarsi, se la sua manina non era al sicuro, stretta nella mia. E oggi colgo le prime avvisaglie in questa cucciola, che comincia a scoprire che là fuori c'è un mondo meraviglioso che l'aspetta.
Io ci sarò sempre, attenta e partecipe, ma fuori dal campo, seduta sugli spalti della vita. Col fiato sospeso, pronta a esultare, con loro e per loro!

Commenti

Post più popolari